Lo Studio

La campanella al cancello di entrata nello studio di Lia Cavanna ha un significato particolare.
Il suo suono richiama l'attenzione dell'artista, quasi a chiedere un permesso d'entrata, un accesso al suo mondo,ai suoi quadri, alla sua musica.
Così Lia Cavanna trascorre le sue giornate d'artista in questo piccolo ambiente ed è così che abbiamo voluto rappresentare simbolicamente l'accesso, attraverso un sito web, a questo mondo cosi' delicato, permettendo a tutti coloro che lo vorranno di scoprirne la bellezza.

"Nello studio di Lia Cavanna non tutti sono ammessi; è un privilegio poter seguire la figura slanciata dell’artista attraverso il prato, oltre il boschetto di betulle, sino al frutteto dove sorge la piccola costruzione.
Da qui lo sguardo spazia dal Monte Rosa al Monviso abbracciando tutta la piana del novarese fino alla guglia di San Gaudenzio; sotto, il nastro luccicante del Sesia accende d’improvvisi bagliori la prima bruma d’autunno.
All’interno c’è pace, i tavoli sono puliti, i pennelli riposti, ogni cosa al suo posto; il disordine emozionante della natura, lo splendore del sole, i profumi, i rumori, sono lasciati fuori.
Nel silenzio e nella solitudine incomincia il percorso poetico di Lia.

L’abbagliante bellezza del paesaggio diventa memoria, si adagia lieve sul fondo dell’anima dove, specchiandosi nelle acque profonde dei ricordi perde i contorni del tempo.
Rimane uno spazio amplissimo, non percorribile, che si dilata oltre i confini della tela attirando in una profondità morbida e luminosa che avvolge e inquieta.
Non c’è disegno; la forma svapora nella luce che dal fondo del quadro trapassa i colori facendone galleggiare le masse nella spazialità inconclusa del sogno."



Donatella Mossello Rizzio